Cerca
Close this search box.

America’s Cup, Ineos Team UK sarà il Challenger of record | I dettagli

luna rossa ineos

fonte foto: Twitter @AmericasCup

Il Team New Zealand ha confermato che i britannici di Ineos Team UK, guidati dalla leggenda della vela Ben Ainslie, sarà lo sfidante ufficiale del Team New Zealand per la prossima edizione della Coppa America. Come nell’edizione appena terminata, si utilizzeranno i monoscafi AC75 di 75 piedi (23 metri), che hanno fatto il loro debutto ad Auckland.

Ineos Team UK challenger of record

La sfidante dell’edizione vinta questa settimana dal Team New Zeland è stata l’italiana Luna Rossa, battuta 7-3 nell’America’s Cup. Sebbene altre squadre possano partecipare alle regate, lo sfidante nominato dal vincitore partecipa allo sviluppo delle regole e delle condizioni degli eventi futuri insieme al detentore della Coppa, la famosa brocca d’argento. Ineos Team UK è stato eliminato nella Prada Cup proprio da Luna Rossa che li aveva annichiliti con 7 vittorie a 1.

La spiegazione di cosa succederà

La velista italiana Flavia Tartaglini, che ci ha tenuto compagnia con gli aspetti tecnici nelle telecronache di Sky, insieme a Guido Meda, Roberto Ferrarese, Giovanni Bruno ed Eleonora Cottarelli, sul proprio profilo Instagram ha spiegato alla perfezione cosa significa quello letto poc’anzi:

  • lo sfidante britannico Team Ineos UK sarà il nuovo challenger of record
  • le barche saranno le stesse, gli AC75 per i prossimi due cicli di Coppa America
  • sarà possibile costruire un solo scafo
  • un protocollo che disciplina la prossima Coppa America verrà pubblicato entro 8 mesi
  • si cercherà di concordare delle misure che limitino i costi
  • si cercherà così di attirare un numero maggiore di sfidanti
  • nuove

Condividi

Altri articoli

Il valore di Andy

Andreas Brehme se ne è andato. Il campione tedesco è scomparso nei giorni scorsi all’età di 63 anni a causa di un malore cardiaco. Figura

Gigi Riva, l’eroe dei nostri padri

Chi oggi ha meno di sessant’anni non ha vissuto direttamente Gigi Riva. Averlo scoperto in seguito, grazie ai filmati di repertorio, non rende l’idea. Essere