Cerca
Close this search box.

Virtus Roma, dura poco la gioia della vittoria: rottura del tendine d’achille per Evans

piero bucchi viruts roma

NOTIZIE VIRTUS ROMA INFORTUNIO CHRIS EVANS – E’ durata poco più di 48 ore la gioia dei tifosi della Virtus Roma per la vittoria nella prima di campionato contro la Fortitudo Bologna. Nella tarda serata di ieri la redazione di ‘sportcorner.net’ aveva avuto un’indiscrezione sulla possibile rottura del tendine d’achille per Chris Evans, ala statunitense arrivata quest’anno e autore di 15 punti nell’esordio di domenica scorsa.

Si attende in giornata, il comunicato ufficiale, ma come riportato da ‘Superbasket’, l’ex giocatore dell’Orleans, avrebbe riportato un serio infortunio nel corso dell’allenamento di martedì sera: si teme proprio la rottura del tendine d’achille destro. Qualora venisse confermato l’infortunio, sarà stagione finita per l’ala della Virtus Roma.

In attesa di capire quale sarà il futuro societario della squadra e l’entità definitiva dell’infortunio, sarà necessario anche un intervento sul mercato. Per quanto rguarda il sostituto, non è da escludere un ritorno di William Buford, oggi free agent, il quale ha avuto una media nella scorsa stagione di 12,8 punti a partita, oltre a 3 rimbalzi e 2,3 assist, prima dello stop forzato del campionato causa pandemia.

Aggiornamento

Aggiornamento ore: 14.02 – La Virtus Roma rende ufficiale la notizia

“La Virtus Roma comunica che gli esami a cui si è sottoposto nella mattina di oggi Chris Evans, in seguito a un infortunio occorsogli nell’allenamento di ieri sera, hanno rivelato la rottura del tendine d’Achille della gamba destra. Lo staff medico virtussino in queste ore sta valutando tempi e modalità dell’intervento. In bocca al lupo per una pronta guarigione, Chris!”

Condividi

Altri articoli

Il valore di Andy

Andreas Brehme se ne è andato. Il campione tedesco è scomparso nei giorni scorsi all’età di 63 anni a causa di un malore cardiaco. Figura

Gigi Riva, l’eroe dei nostri padri

Chi oggi ha meno di sessant’anni non ha vissuto direttamente Gigi Riva. Averlo scoperto in seguito, grazie ai filmati di repertorio, non rende l’idea. Essere