Cerca
Close this search box.

Serie A, pronta a ripartire, dopo la tre giorni europea

Un lungo weekend è quello che si prospetta per la Serie A, con in programma la 12° giornata, prima dell’ultima sosta per le nazionali del 2019. Si Inizia con Sassuolo-Bologna, venerdì ore 20.45 e si termina con un classico del nostro campionato, Juventus-Milan, domenica ore 20.45.

GLI ANTICIPI

Sassuolo-Bologna apre la 12° giornata di Serie A, con i ragazzi di Mihajlovic pronti ad espugnare il Mapei Stadium, allungando in classifica proprio sui neroverdi. Da Sassuolo andiamo a Brescia, sabato ore 15.00, per la sfida tra le rondinelle del nuovo allenatore Fabio Grosso e i granata di Walter Mazzarri, con l’obiettivo comune di rilanciarsi dopo una serie di partite negative. Seguono due squadre reduci dagli impegni in Champions League, con entrambi problemi tra spogliatoio e gli organi societari, Inter-Hellas Verona, ore 18.00 e Napoli-Genoa ore 20.45.

LE SFIDE DELLA DOMENICA: JUVENTUS-MILAN IL BIG MATCH

All’ora di pranzo scenderanno in campo Cagliari-Fiorentina, con i sardi in grandissima forma, dopo la vittoria in trasferta sul campo dell’Atalanta, i toscani orfani ancora di Ribery, cercheranno di non perdere il passo degli avversari. Si prosegue con l’appuntamento delle 15,00, dove si affronteranno Lazio-Lecce, Sampdoria-Atalanta e Udinese-Spal. Alle ore 18.00 sarà la volta di Parma-Roma e si concluderà con la grande sfida tra Juventus e Milan, nonostante la posizione in classifica dica tutt’altro, con ben 16 punti di distacco.

PROGRAMMA 12° GIORNATA DI SERIE A

Venerdì 8/11
20.45 Sassuolo-Bologna

Sabato 9/11
15.00 Brescia-Torino
18.00 Inter-Hellas Verona
20.45 Napoli-Genoa

Domenica 10/11
12.30 Cagliari-Fiorentina
15.00 Lazio-Lecce
15.00 Sampdoria-Atalanta
15.00 Udinese-Spal
18.00 Parma-Roma
20.45 Juventus-Milan

Condividi

Altri articoli

Il valore di Andy

Andreas Brehme se ne è andato. Il campione tedesco è scomparso nei giorni scorsi all’età di 63 anni a causa di un malore cardiaco. Figura

Gigi Riva, l’eroe dei nostri padri

Chi oggi ha meno di sessant’anni non ha vissuto direttamente Gigi Riva. Averlo scoperto in seguito, grazie ai filmati di repertorio, non rende l’idea. Essere