Cerca
Close this search box.

GP Messico, Binotto non è soddisfatto | La griglia di partenza

Ferrari Sainz GP Messico

fonte foto: Twitter @ScuderiaFerrari

“Ci aspettavamo di più. Pensavamo che questa pista potesse esserci più favorevole, ma l’evoluzione del tracciato non ci ha aiutato. Un asfalto molto scivoloso e difficile da interpretare e abbiamo faticato a trovare il giusto set-up della macchina”. Sono queste le parole del Team Principal della Ferrari Mattia Binotto ai microfoni di Sky Sport dopo le qualifiche del Gran Premio del Messico.

GP Messico, griglia di partenza

Il primo della Ferrari è Carlos Sainz, il quale partirà dalla terza fila con il sesto posto sulla griglia di partenza. Ottavo soltanto Charles Leclerc.Su Sainz c’è poco da dire, ha fatto il suo con il pacchetto a disposizione – ha continuato Binotto -. Per quanto riguarda Leclerc, ha commesso qualche errore nella Q3 che non gli ha permesso di esprimere tutto il suo potenziale. Nessuno vuole chiaramente buttargli la croce, ma chiaramente avrebbe potuto fare di più come tempo sul giro”.

GRIGLIA DI PARTENZA GP MESSICO

Prima fila tutta targata Mercedes, con la pole di Valtteri Bottas, davanti al suo compagno di squadra Lewis Hamilton.

1 Valtteri Bottas
2 Lewis Hamilton
3 Max Verstappen
4 Sergio Perez
5 Pierre Gasly
6 Carlos Sainz
7 Daniel Ricciardo
8 Charles Leclerc
9 Sebastian Vettel
10 Kimi Raikkonen
11 Antonio Giovinazzi
12 Fernando Alonso
13 Nicholas Latifi
14 Mick Schumacher
15 George Russell (penalizzato di 5 posizioni)
16 Nikita Mazepin
17 Yuki Tsunoda (penalizzato di 20 posizioni)
18 Lando Norris  (penalizzato di 20 posizioni)
19 Esteban Ocon (penalizzato di 20 posizioni)
20 Lance Stroll (penalizzato di 20 posizioni)

Condividi

Altri articoli

Il valore di Andy

Andreas Brehme se ne è andato. Il campione tedesco è scomparso nei giorni scorsi all’età di 63 anni a causa di un malore cardiaco. Figura

Gigi Riva, l’eroe dei nostri padri

Chi oggi ha meno di sessant’anni non ha vissuto direttamente Gigi Riva. Averlo scoperto in seguito, grazie ai filmati di repertorio, non rende l’idea. Essere