Cerca
Close this search box.

Australian Open 2019, Kvitova e Osaka in finale: prima volta per entrambe

petra kvitova Australian Open

RISULTATI AUSTRALIAN OPEN 2019 FEMMINILE – Se nel maschile si è disputata la prima semifinale, nel singolare femminile si sono concluse entrambe le semifinali. Non ci sarà una finale tutta di marca Repubblica Ceca, di seguito il dettaglio dei match.

Kvitova-Collins

La ceca ha avuto molte difficoltà nel primo set contro la statunitense, conclusosi solamente al tie-break dopo scambi molto tirati. La prima ad ottenere il break era stata però la Collins, nel quinto gioco, subito contro-breakkata però dalla numero 6 del mondo. Nel secondo set invece, netto 6-0 rifilato in mezz’ora di gioco da parte di Petra Kvitova.

Pliskova-Osaka

Differente il discorso tra l’altra ceca, Karolina Pliskova, e la giapponese Naomi Osaka. Quest’ultima si è imposta in tre set dopo quasi 2 ore di gioco. Nel primo set non c’è stata molta partita, con l’asiatica che ha strappato il servizio alla sua avversaria nel terzo e nel settimo gioco, concludendo 6-2. Nel secondo la Osaka si era portata subito avanti di un break, recuperato subito dalla ceca, la quale poi sul 5-4 e servizio per la giapponese è riuscita a breakkare portandosi a casa il secondo set. Terza e ultima partita fotocopia del primo set, decisivo il break nel terzo gioco, che ha portato la numero 4 del mondo ad aggiudicarsi la seconda semifinale.

Precedenti Kvitova Osaka

Sarà il primo scontro diretto tra le due, per entrambe la prima finale a Melbourne. Da una parte 26 titoli in carriera (2 slam ottenuti a Wimbledon nel 2011 e nel 2014), dall’altra 2 trionfi (uno di questi è lo US Open dello scorso settembre).

CHI VINCERÀ SARÀ LA NUOVA NUMERO UNO DEL MONDO!

fonte foto: Twitter @AustralianOpen

Condividi

Altri articoli

Il valore di Andy

Andreas Brehme se ne è andato. Il campione tedesco è scomparso nei giorni scorsi all’età di 63 anni a causa di un malore cardiaco. Figura

Gigi Riva, l’eroe dei nostri padri

Chi oggi ha meno di sessant’anni non ha vissuto direttamente Gigi Riva. Averlo scoperto in seguito, grazie ai filmati di repertorio, non rende l’idea. Essere