Cerca
Close this search box.

Panchine LBA Serie A, Sacchetti alla Fortitudo, Martino a Reggio Emilia

Antimo Martino

MERCATO LEGA BASKET – In attesa di capire quale sarà il futuro di alcune squadre del massimo campionato italiano di pallacanestro, dubbi su permanenza in A su Vanoli Cremona, Pesaro ma soprattutto Virtus Roma, si iniziano a delineare le gerarchie di alcuni club.

Giro di panchine in LBA Serie A

Sulla panchina dell’Olimpia Milano resta ben saldo Ettore Messina, così come su quella dell’Umana Reyer Venezia coach Walter De Raffaele e Aleksandar Đorđević alla Virtus Bologna. Cambia l’allenatore, invece, l’altra squadra di Bologna, la Fortitudo che lascia andare Antimo Martino a Reggio Emilia (triennale, 2+1, per il coach che resta in Emilia Romagna dopo aver guidato Ravenna e poi Fortitudo) e accoglie il CT della Nazionale Meo Sacchetti, il quale lascia dunque la Vanoli Cremona.

Le altre panchine

Per quanto riguarda le altre compagini di Serie A, nei giorni scorsi Cantù aveva rinnovato per un’altra stagione il contratto di Cesare Pancotto, Pozzecco e Dalmasson rimangono rispettivamente sulle panchine di Sassari e Trieste (per loro entrambi contratti fino al 2022), così come Attilio Caja a Varese, Frank Vitucci a Brindisi e Nicola Brienza a Trento.

Pesaro, Cremona e Virtus Roma

Un mese fa invece Massimiliano Menetti aveva rinnovato fino al 2023 con Treviso, mentre le tre squadre che attualmente non hanno un allenatore sono Pesaro (Giancarlo Sacco non rimarrà), Cremona, la quale dovra scegliere in base al campionato che farà l’erede di Meo Sacchetti, e la Virtus Roma, che in queste settimane ha come pensiero quello della cessione della proprietà, dopo l’addio annunciato dell’Ing. Claudio Toti. Infine per Pistoia, sarà confermato Michele Carrea sulla panchina, con il club che sfrutta il contratto 1+1 firmato nell’estate del 2019.

Intanto il mercato giocatori vede Davide Moretti a Milano e Amar Alibegovic alla Virtus Bologna.

Condividi

Altri articoli

Il valore di Andy

Andreas Brehme se ne è andato. Il campione tedesco è scomparso nei giorni scorsi all’età di 63 anni a causa di un malore cardiaco. Figura

Gigi Riva, l’eroe dei nostri padri

Chi oggi ha meno di sessant’anni non ha vissuto direttamente Gigi Riva. Averlo scoperto in seguito, grazie ai filmati di repertorio, non rende l’idea. Essere